West Nile Virus, dopo Alessandria misure di sicurezza anche nelle province di Cuneo e Novara

Salgono a 16 le province italiane interessate dalle misure di sicurezza disposte dal Centro nazionale sangue contro il West Nile Virus. La circolare del 6 agosto indica un riscontro di positività in campioni di organo di una gazza catturata nel comune di Rosignano Monferrato, in provincia di Alessandria.

Anche qui si chiede l’applicazione, per i donatori che abbiano soggiornato anche solo per una notte in questo territorio, di quanto disposto con il decreto ministeriale del 2 novembre 2015 “Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti”. Si raccomanda di effettuare il test NAT come alternativa al provvedimento di sospensione temporanea per 28 giorni degli stessi donatori.

L’ultima provincia in ordine cronologico ad essere interessata dal provvedimento era stata quella di Padova, la prima del Veneto. Diventano quindi 16 le province coinvolte: 7 in Lombardia, 6 in Emilia Romagna, 2 in Piemonte e una in Veneto.

Fonte: AVIS Nazionale