Sport e donazione, anche il Coni Point Ferrara aderisce alla campagna social #Distantimauniti

Basket, pallamano, canottaggio. Sono solo alcune discipline in cui sono impegnati gli atleti italiani del Coni provinciale di Ferrara che hanno raccolto l’iniziativa promossa dall’ufficio sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri #distantimauniti.

Una campagna attraverso Facebook per dimostrare come, nonostante la distanza di sicurezza per prevenire il contagio del Coronavirus, si possa però restare uniti in nome di una necessità comune: la donazione del sangue.

Con due hashtag, #distantimauniti ed #escosoloperdonare, sul profilo del Coni Point Ferrara , in collaborazione con l’Avis Provinciale, sono sempre di più le foto e i video che hanno come volti quelli di giovani atleti azzurri. Anche l’ex calciatore della Spal, Marcello Cottafava, si è reso protagonista di un video in cui invita tutti a «fare un sacrificio e restare a casa», ma allo stesso tempo «uscire solo per donare il sangue».

«Dopo aver constatato il calo delle donazioni, nonostante le rassicurazioni, abbiamo deciso che dovevamo fare qualcosa per sensibilizzare le persone – spiega il responsabile della comunicazione del Coni Point Ferrara, Mirko Rimessi – Già altre volte avevamo collaborato insieme all’Avis Provinciale e ci è sembrato giusto mobilitarci nuovamente».

Obiettivo dell’iniziativa è rilanciare, coinvolgendo i rappresentanti del mondo dello sport, il messaggio che la stessa AVIS Nazionale aveva messo al centro della sua campagna #escosoloperdonare: “La circolare del ministero della Salute ha inserito la donazione di sangue ed emocomponenti tra le situazioni di necessità per cui è possibile uscire di casa, quindi facciamolo”.

E se a farlo sono atleti che, come lo stesso Rimessi racconta, «sono anche donatori», il messaggio assume un valore ancora più importante: «Aderire alla campagna è semplicissimo – spiega – basta visitare la pagina Facebook del Coni Point Ferrara e personalizzare la propria foto, aggiungendo poi i due hashtag dell’iniziativa».

Fonte: AVIS Nazionale